HomePatrimonio artistico- Architettura • Casa Giuliano, detta Loggia dei Mercanti, o casa Sacco

Casa Giuliano, detta Loggia dei Mercanti, o casa Sacco

L'edificio ha un aspetto unitario. A questo concorrono più elementi: i cinque archi ogivali del portico, uguali, sulla via Cavour; le due fasce marcapiano che corrono sulle stesse facciate e su parte di quelle laterali; un intonaco su tutto l'edificio.
Al contrario dei palazzi sopra descritti, questo non sembra originato dalla fusione di cellule preesistenti. Ha uno schema planimetrico ordinato. Al pari di altre residenze rappresentative ha sviluppato verso il cortile un porticato con funzioni di supporto alle attività commerciali che si sviluppano al piano terreno (botteghe e mercato) sotto i portici e sulla strada. Non si hanno sufficienti indizi per dire se questo portico risalga alla stessa epoca del palazzo, o come in altri casi sia stato accostato solo in seguito.
Una ipotesi possibile è che questo porticato singolarmente ampio costituisca l'ala del mercato destinato alle granaglie. Il mercato delle granaglie era nei comuni piemontesi sempre coperto e in posizione vicina alle piazze del mercato principale. Può quindi essere che questa casa si sia sviluppata sul preesistente mercato coperto delle granaglie o che sia nato con questa specifica funzione. Questa ipotesi è avvalorata dal fatto che ancora a fine Settecento l'area di questo edificio era destinata al commercio dei cereali.
Molto interessante è il fenomeno di parziale occupazione di suolo pubblico avvenuto nel portico anteriore. Esso era molto più ampio dell'attuale, poi, intorno alla metà del secolo XVIII, fu in parte occupato dalle botteghe che avanzarono per poco meno della metà della sua ampiezza. L'ampliamento delle botteghe verso la via Cavour aveva due scopi: l'aumento della superficie commerciale chiusa, rimediare ai cedimenti strutturali delle volte a crociere, molto ampie, del porticato.
Come si può vedere sui documenti conservati dall'Archivio di Stato di Torino (Archivio di Stato di Torino, sezione 1^, Paesi per A e per B, Alba, mazzo 7, n° 24, 1767) Carlo Giovino, bottegaio, chiede di restringere il portico di casa sua. Il tipo allegato a questa domanda mostra il portico non ancora completamente occupato e due pali di sostegno all'arco occidentale del portico stesso. Inoltre, sempre per questi cedimenti strutturali, erano già stati addossati dei rinforzi laterali in muratura (con profilo a scarpa) ai pilastri del portico, onde meglio contenere le spinte della volta a crociera.
Gli orizzontamenti dell'edificio, tranne quello del portico, sono stati sostituiti in epoca barocca. Sono costituiti da volte a fascioni incrociati al piano terreno e al primo.
Le aperture dell'edificio, finestre e porte-finestre, sono di epoca recente.
La fascia marcapiano che divide il piano terreno dal primo è di gusto rinascimentale. E' realizzato con quattro tipi di elementi stampati, che formano quattro fasce sovrapposte di mattonelle, affiancate l'una alle altre.
Il fregio è alto cm. 75 circa ed è stato interrotto in tre punti dall'apertura delle porte-finestre sui balconi e la forma degli archetti consente di affermare che la casa appartiene probabilmente al secolo XV. La facciata era in mattone faccia a vista.
Lo schema planimetrico è stato notevolmente alterato da successive sovrapposizioni, in particolare sul lato cortile.
Di epoca recente è la balconata verso il cortile, mentre le scale, anch'esse appoggiate al retro del palazzo, sono antiche (volte a botte rampante e crociera), anche se forse non come l'edificio.
Nell'insieme riprende lo schema di altre case signorili albesi: costruzione di una cellula gotica di discreto o buon livello rappresentativo legata a pertinenza di tipo quasi agricolo; costruzione nelle pertinenze agricole di fabbricati rurali, stalle e simili; trasformazione di queste ultime in residenze quando la pressione demografica lo rese necessario (soprattutto nell'Ottocento); trasformazione in botteghe del piano terreno; sovrapposizioni edilizie alla facciata verso il cortile.
Nel corso del 2003 - 2004 è in atto una profonda ristrutturazione e un restauro conservativo delle facciate.

Bibliografia

Immagini

Architettura

Villaggio FerreroMagazzini MiroglioEdificio adibito a laboratori e locali di vendita sacriComplesso EnelSede della Gazzetta d'AlbaCasa AngelaCasa in via GovoneCasa ad appartamenti (Alba, corso Europa)Casa ad appartamenti (Alba, strada Cauda)Edificio di abitazione, uffici e commercioComplesso ResidenzialeComplesso Residenziale Alba VerdeCasa in corso AlberioneCasa in via San PaoloPalazzo in via Vittorio EmanueleCasa RevelloPalazzetto di via BelliCasa BolmidaCasa di via GiraudiCasa in piazzetta Pietro MiccaCasa VaraldiPalazzi in via RomaPalazzo in piazza SavonaEdificio in corso ItaliaCasa BerguiCasa in via XX SettembreChiesa di San CassianoChiesa ParrocchialeChiesa di Cristo ReChiesa del Divin MaestroComplesso dell'Opera Pia di San Paolo e TempioSantuario della MorettaCentro per incontri religiosiOratorio annesso al Santuario della MorettaMotel AlbaCascina AdelaideCasa di Riposo OttolenghiAzienda per la lavorazione dei marmiEdificio commercialeFondazione FerreroTribunaleBanca di Credito CooperativoEdificio multiusoConvitto CivicoCampanile del Santuario della MorettaPalestra all'interno del complesso della MaddalenaCassa di Risparmio di Cuneo (Nuova sede) - B.R.E.Edificio rimessa autocorriereSeminario Minore, ora scuola media VidaCasa SansoldiCasa DegiacomiPalazzo MermetPalazzo Porro, poi Calissano, oggi sede della B.R.E.Casa MulassanoCasa AllianaCasa Burdese - Casa DacomoCasa in via Elvio PertinaceDuomo di Alba - il restauroSeminario vescovileLavatoio pubblicoMattatoioScuola materna città di AlbaTettoia per il mercatoScuola agraria enologicaTribunale civile e correzionaleGiardino pubblico della stazioneScuole elementari maschili (ex convento della Maddalena)Caserma GovoneManica della via maestra dell'ex convento della MaddalenaStazione ferroviariaPiazza Elvio Pertinace - trasformazione Sferisterio, oggi Sferisterio MermetCimitero urbanoPalazzo Comunale - interventiTeatro Sociale Piazza Risorgimento - riplasmazione delle strutture medievali Piazza Savona Casa per anzianiScuola agraria enologica - Cantine Viali di circonvallazione Ponte sul fiume TanaroCastello di Serralunga d'AlbaTorre di Santa Vittoria d'AlbaCastello di RoddiCastello di Pezzolo Valle Uzzone, frazione GorrinoTorre di Perletto Torre di Niella BelboTorre di MurazzanoCastello di Monticello d'AlbaCastello di Monteu RoeroTorre di Montaldo RoeroCastello di MontàCastello di MonesiglioCastello di MangoCastello di Magliano AlfieriCastello di GuareneCastello di Grinzane CavourCastello di GovoneCastello di CravanzanaCastello di CortemiliaTorre di Corneliano d'AlbaTorre di CherascoCastelrosso di CherascoCastello Visconteo di CherascoCastello di Castiglione FallettoCastello di CastellinaldoTorre di CanaleCastello di CanaleTorre di Camerana frazione VillaComplesso albertino di Bra, PollenzoCastello di BorgomaleCastello di BenevelloCastello di Barolo, La VoltaCastello di BaroloCastello di BarbarescoTorre di BarbarescoTorre di Albaretto della TorreCasa Deabbate o AllianaCasa Giuliano, detta Loggia dei Mercanti, o casa SaccoCasa Paglieri o CantalupoCasa Fontana o Casa DoPalazzo Govone CarattiCasa-torre CapelloCasa-torre MarroCasa-torre RivaTorre DegiacomiTorre MontaldoTorre NegriTorre del palazzo BelliTorre e palazzo SerralongaTorri del palazzo MermetTorre e casa Parrussa (o Paruzza)Torre RavinaleTorre DemagistisTorre BoninoTorre AstesianoTorre e casa Sineo

Ricerca nella sezione

Ricerca avanzata

cerca in ordine alfabetico

a b c d e f g
h
i
j
k
l m
n
o p
q
r
s t
u
v
w
x
y
z