HomePatrimonio artistico- Architettura • Castello di Canale

Castello di Canale

Canale che certi storici fanno risalire addirittura al 402, anno in cui sarebbe stata fondata da alcuni fuggiaschi scacciati dalle loro terre dai visigoti, è comunque di fondazione assai lontana: se ne trova traccia nei documenti già nell'862 (in un diploma dell'imperatore Ludovico), in diplomi del 905 e del 1041. Poco più tardi, nel 1065, la marchesa Adelaide di Susa ne fece dono al vescovo astigiano Guglielmo II insieme al castello e ad altre terre. Il castello doveva quindi a quell'epoca esistere, anche se non aveva verosimilmente né le dimensioni, né la struttura, né l'aspetto di quello attuale. Il quale è oggi una imponente costruzione quadrangolare situata quasi al centro dell'abitato e circondata da un ampio parco: costruzione che, insieme a tracce medioevali, mostra anche diffusi e cospicui rimaneggiamenti di epoca barocca, quando essa fu adattata a residenza signorile.
Nel periodo di maggiore importanza il castello originario fu affiancato da un'altra fortificazione denominata Castel S. Pietro, in possesso dei Palletta di Asti, distrutto nelle lotte tra le fazioni Guelfe e Ghibelline.
Federico Barbarossa lo assegnò al Conte Palatino che lo cedeva nel 1162 con altre terre a Guido di Biandrate, i cui discendenti dovettero cedere tutto ad Asti che infeudò Canale ai Roero, investitura confermata dai Visconti nel 1379.
Si trattava comunque di un edificio solido, di notevole importanza militare, giustificata dalla posizione "strategica" del borgo, a controllo della Valle del Borbore. Il castello, prese nome e anche l'aspetto attuale dai Malabayla, cospicua famiglia astigiana; fu Daniele Malabayla, a cui l'edificio fu ceduto nel 1512 da Giorgio Roero, a compiere le ristrutturazioni che diedero al castello più o meno la sua veste attuale: cimatura delle torri, inglobamento delle stesse nel complesso dell'edificio, trasformazione da apparato militare a residenza. Ancora oggi appartiene ai discendenti dei conti Malabayla - Dal Pozzo.
Così riattato il monumento conserva una sua imponenza e una sua notevole dignità architettonica, accentuata dal parco che lo circonda e che ne permette la visione da buone prospettive. Anche se, tutto sommato, deve la sua fama più che ai suoi pregi artistici, al ricordo di un chimico - l'Aloi - che vi impiantò delle caldaie per ricavare solfato di soda dalle arenarie abbondanti in luogo, solfato che finì per essere conosciuto, anche per via della sua origine, come "sale di Canale".

Bibliografia

Architettura

Villaggio FerreroMagazzini MiroglioEdificio adibito a laboratori e locali di vendita sacriComplesso EnelSede della Gazzetta d'AlbaCasa AngelaCasa in via GovoneCasa ad appartamenti (Alba, corso Europa)Casa ad appartamenti (Alba, strada Cauda)Edificio di abitazione, uffici e commercioComplesso ResidenzialeComplesso Residenziale Alba VerdeCasa in corso AlberioneCasa in via San PaoloPalazzo in via Vittorio EmanueleCasa RevelloPalazzetto di via BelliCasa BolmidaCasa di via GiraudiCasa in piazzetta Pietro MiccaCasa VaraldiPalazzi in via RomaPalazzo in piazza SavonaEdificio in corso ItaliaCasa BerguiCasa in via XX SettembreChiesa di San CassianoChiesa ParrocchialeChiesa di Cristo ReChiesa del Divin MaestroComplesso dell'Opera Pia di San Paolo e TempioSantuario della MorettaCentro per incontri religiosiOratorio annesso al Santuario della MorettaMotel AlbaCascina AdelaideCasa di Riposo OttolenghiAzienda per la lavorazione dei marmiEdificio commercialeFondazione FerreroTribunaleBanca di Credito CooperativoEdificio multiusoConvitto CivicoCampanile del Santuario della MorettaPalestra all'interno del complesso della MaddalenaCassa di Risparmio di Cuneo (Nuova sede) - B.R.E.Edificio rimessa autocorriereSeminario Minore, ora scuola media VidaCasa SansoldiCasa DegiacomiPalazzo MermetPalazzo Porro, poi Calissano, oggi sede della B.R.E.Casa MulassanoCasa AllianaCasa Burdese - Casa DacomoCasa in via Elvio PertinaceDuomo di Alba - il restauroSeminario vescovileLavatoio pubblicoMattatoioScuola materna città di AlbaTettoia per il mercatoScuola agraria enologicaTribunale civile e correzionaleGiardino pubblico della stazioneScuole elementari maschili (ex convento della Maddalena)Caserma GovoneManica della via maestra dell'ex convento della MaddalenaStazione ferroviariaPiazza Elvio Pertinace - trasformazione Sferisterio, oggi Sferisterio MermetCimitero urbanoPalazzo Comunale - interventiTeatro Sociale Piazza Risorgimento - riplasmazione delle strutture medievali Piazza Savona Casa per anzianiScuola agraria enologica - Cantine Viali di circonvallazione Ponte sul fiume TanaroCastello di Serralunga d'AlbaTorre di Santa Vittoria d'AlbaCastello di RoddiCastello di Pezzolo Valle Uzzone, frazione GorrinoTorre di Perletto Torre di Niella BelboTorre di MurazzanoCastello di Monticello d'AlbaCastello di Monteu RoeroTorre di Montaldo RoeroCastello di MontàCastello di MonesiglioCastello di MangoCastello di Magliano AlfieriCastello di GuareneCastello di Grinzane CavourCastello di GovoneCastello di CravanzanaCastello di CortemiliaTorre di Corneliano d'AlbaTorre di CherascoCastelrosso di CherascoCastello Visconteo di CherascoCastello di Castiglione FallettoCastello di CastellinaldoTorre di CanaleCastello di CanaleTorre di Camerana frazione VillaComplesso albertino di Bra, PollenzoCastello di BorgomaleCastello di BenevelloCastello di Barolo, La VoltaCastello di BaroloCastello di BarbarescoTorre di BarbarescoTorre di Albaretto della TorreCasa Deabbate o AllianaCasa Giuliano, detta Loggia dei Mercanti, o casa SaccoCasa Paglieri o CantalupoCasa Fontana o Casa DoPalazzo Govone CarattiCasa-torre CapelloCasa-torre MarroCasa-torre RivaTorre DegiacomiTorre MontaldoTorre NegriTorre del palazzo BelliTorre e palazzo SerralongaTorri del palazzo MermetTorre e casa Parrussa (o Paruzza)Torre RavinaleTorre DemagistisTorre BoninoTorre AstesianoTorre e casa Sineo

Ricerca nella sezione

Ricerca avanzata

cerca in ordine alfabetico

a b c d e f g
h
i
j
k
l m
n
o p
q
r
s t
u
v
w
x
y
z