HomePatrimonio artistico- Architettura • Castello di Mango

Castello di Mango

La denominazione più corretta da attribuire alla costruzione che domina il paese, non volendo usare il termine "residenza castellata", forse giustificato perché si tratta di nulla più di una residenza signorile, sia pure con sagoma richiamante un castello, sarebbe quello di "palazzo", indubbiamente la più aderente al tipo architettonico. Tuttavia, come in molti altri casi, viene usato il termine piemontese di "castello", impiegandolo nella più vasta accezione che tale vocabolo ha nella regione, dove è utilizzato non solamente per indicare un edificio con caratteristiche fortificatorie, ma anche qualsiasi monumento che abbia origine signorile: al limite, ogni costruzione dominante.
Quello di Mango è infatti un "castello" sorto molto tardi, nel 1630, e con intenti tutt'altro che guerreschi, ad opera dei marchesi di Busca. Data l'epoca, e i proprietari, non voleva essere altro che una grande residenza nobiliare, al centro di una zona in cui i costruttori vantavano estesi interessi. E tuttavia, non solo l'edificio fu sagomato - in pianta e in alzato - come un castello rinascimentale, con quattro "torri", in realtà sporgenze dei corpi di fabbrica agli spigoli, angolari quadrate, ma ricalcò particolari militari persino nelle rifiniture, come ad esempio nella scarpatura, l'inclinazione della parte inferiore del muro esterno adottata in molte costruzioni fortificate per rafforzare alla base il muro e per rendere meno agevole il suo attacco e diroccamento all'attaccante. Si potrebbe quindi pensare, più che a una costruzione barocca sorta dal nulla, a un antico complesso rinascimentale o tardomedioevale, riattato in epoca seicentesca con la cimatura delle torri, la perdita delle merlature e l'apertura nelle cortine di finestre adatte a una nuova funzione.
Evidentemente, la destinazione a punto fortificato del luogo aveva creato una tradizione difficile da rompere.
Dove oggi sorge il "castello" di Mango esisteva infatti, anticamente, una torre le cui origini erano abbastanza antiche: risaliva, in effetti, al 1280. Tale torre, dominante per secoli l'abitato, era andata distrutta all'inizio del XVII secolo. Al suo posto, i marchesi di Busca decisero quindi di erigere l'attuale edificio. Il quale, ben presto portato a termine, è arrivato senza molte trasformazioni (almeno nell'apparato murario) fino ai giorni nostri. Oggi è sede dell'Enoteca regionale del Moscato.

Bibliografia

Architettura

Villaggio FerreroMagazzini MiroglioEdificio adibito a laboratori e locali di vendita sacriComplesso EnelSede della Gazzetta d'AlbaCasa AngelaCasa in via GovoneCasa ad appartamenti (Alba, corso Europa)Casa ad appartamenti (Alba, strada Cauda)Edificio di abitazione, uffici e commercioComplesso ResidenzialeComplesso Residenziale Alba VerdeCasa in corso AlberioneCasa in via San PaoloPalazzo in via Vittorio EmanueleCasa RevelloPalazzetto di via BelliCasa BolmidaCasa di via GiraudiCasa in piazzetta Pietro MiccaCasa VaraldiPalazzi in via RomaPalazzo in piazza SavonaEdificio in corso ItaliaCasa BerguiCasa in via XX SettembreChiesa di San CassianoChiesa ParrocchialeChiesa di Cristo ReChiesa del Divin MaestroComplesso dell'Opera Pia di San Paolo e TempioSantuario della MorettaCentro per incontri religiosiOratorio annesso al Santuario della MorettaMotel AlbaCascina AdelaideCasa di Riposo OttolenghiAzienda per la lavorazione dei marmiEdificio commercialeFondazione FerreroTribunaleBanca di Credito CooperativoEdificio multiusoConvitto CivicoCampanile del Santuario della MorettaPalestra all'interno del complesso della MaddalenaCassa di Risparmio di Cuneo (Nuova sede) - B.R.E.Edificio rimessa autocorriereSeminario Minore, ora scuola media VidaCasa SansoldiCasa DegiacomiPalazzo MermetPalazzo Porro, poi Calissano, oggi sede della B.R.E.Casa MulassanoCasa AllianaCasa Burdese - Casa DacomoCasa in via Elvio PertinaceDuomo di Alba - il restauroSeminario vescovileLavatoio pubblicoMattatoioScuola materna città di AlbaTettoia per il mercatoScuola agraria enologicaTribunale civile e correzionaleGiardino pubblico della stazioneScuole elementari maschili (ex convento della Maddalena)Caserma GovoneManica della via maestra dell'ex convento della MaddalenaStazione ferroviariaPiazza Elvio Pertinace - trasformazione Sferisterio, oggi Sferisterio MermetCimitero urbanoPalazzo Comunale - interventiTeatro Sociale Piazza Risorgimento - riplasmazione delle strutture medievali Piazza Savona Casa per anzianiScuola agraria enologica - Cantine Viali di circonvallazione Ponte sul fiume TanaroCastello di Serralunga d'AlbaTorre di Santa Vittoria d'AlbaCastello di RoddiCastello di Pezzolo Valle Uzzone, frazione GorrinoTorre di Perletto Torre di Niella BelboTorre di MurazzanoCastello di Monticello d'AlbaCastello di Monteu RoeroTorre di Montaldo RoeroCastello di MontàCastello di MonesiglioCastello di MangoCastello di Magliano AlfieriCastello di GuareneCastello di Grinzane CavourCastello di GovoneCastello di CravanzanaCastello di CortemiliaTorre di Corneliano d'AlbaTorre di CherascoCastelrosso di CherascoCastello Visconteo di CherascoCastello di Castiglione FallettoCastello di CastellinaldoTorre di CanaleCastello di CanaleTorre di Camerana frazione VillaComplesso albertino di Bra, PollenzoCastello di BorgomaleCastello di BenevelloCastello di Barolo, La VoltaCastello di BaroloCastello di BarbarescoTorre di BarbarescoTorre di Albaretto della TorreCasa Deabbate o AllianaCasa Giuliano, detta Loggia dei Mercanti, o casa SaccoCasa Paglieri o CantalupoCasa Fontana o Casa DoPalazzo Govone CarattiCasa-torre CapelloCasa-torre MarroCasa-torre RivaTorre DegiacomiTorre MontaldoTorre NegriTorre del palazzo BelliTorre e palazzo SerralongaTorri del palazzo MermetTorre e casa Parrussa (o Paruzza)Torre RavinaleTorre DemagistisTorre BoninoTorre AstesianoTorre e casa Sineo

Ricerca nella sezione

Ricerca avanzata

cerca in ordine alfabetico

a b c d e f g
h
i
j
k
l m
n
o p
q
r
s t
u
v
w
x
y
z