Teatro Sociale

Fin dal 1748, la città di Alba si era dotata di un teatro, situato nei locali della Confraternita di San Giuseppe, che lo affittava. All'indomani della Restaurazione, l'antico teatro venne acquistato da un privato, che diede il suo nome al teatro: Perucca. Questo luogo però non era sufficientemente grande per accogliere le richieste degli appassionati spettatori, costretti spesso ad estrarre a sorte il diritto di poter assistere alle rappresentazioni da uno degli undici palchi che costituivano la sala. La famiglia dell'architetto Busca era, già da molto tempo, inserita tra questi assidui frequentatori del teatro. La passione per il teatro da parte della nobile famiglia dell'architetto è testimoniata dalla proposta presentata nel 1851, di trasformazione in edificio per lo spettacolo, su progetto dello stesso Giorgio Busca, di una delle proprie dimore, l'antica Casa Boetti, situata all'angolo tra la Via Maestra e la via Belli. Le spese di costruzione e gestione del nuovo teatro sarebbero state affrontate da una società composta dalla Città e dai concittadini volenterosi di aderirvi. Questa prima proposta viene però abbandonata, ma l'anno seguente viene comunque costituita una società per la costruzione di un nuovo teatro in un'area da definire, essendo ormai il Teatro Perucca, non soltanto inadatto per una città di riguardo nelle sue dimensioni, ma anche assai pericoloso perché costrutto in legno tarlato e con aditi angustissimi che in caso d'incendio renderebbero difficile l'uscita dei Spettatori.
Nel 1853 viene stesa dal Busca una planimetria che individua l'area tra le chiese di San Domenico e di Santa Caterina sulla quale il Teatro verrà costruito: lo spazio è definito dal complesso seminariale e dai quartieri militari. Questa porzione di città doveva ancora trovare una sua precisa sistemazione a livello architettonico ed urbanistico secondo gli auspicati criteri di decoro ed omogeneità classicisti che saranno poi realizzati attraverso la progettazione non soltanto dell'edificio teatrale, ma anche del collegio-liceo e del Palazzo Porro, tutte architetture realizzate su disegno di Busca.
Il progetto di Busca è quello di un teatro all'italiana, che si compone in sequenza, di quattro ambienti principali: il vestibolo, la sala con pianta a ferro di cavallo, il palcoscenico ed il retropalco. Il vestibolo, di dimensioni assai contenute, è coperto da volte ribassate che poggiano su quattro colonne tuscaniche che ripartiscono lo spazio individuando gli accessi alla sala: uno, centrale, per l'ingresso in platea e due laterali che attraverso una scalinata conducono al livello dei palchi. Una decorazione a trompe l'oeil che riproduce sulle volte un disegno a lacunari, crea l'illusione di un più ampio volume. La sala ha tre ordini di palchi ed un loggione, ed è decorata in modo molto sobrio nei parapetti, in maniera più opulenta nel proscenio con le lesene corinzie, trabeazione e coronamento. Il soffitto affrescato con un girotondo di muse dal decoratore Venere e dal figurinista Festa, ha subito crolli e danneggiamenti dovuti ad infiltrazioni. Medaglioni con ritratti di musicisti e drammaturghi sono stati realizzati in un secondo tempo.
La facciata principale che dà sulla piazzetta è bipartita: connotata al pianterreno da un bugnato interrotto dalle tre aperture d'ingresso, ha nel piano superiore, un trattamento differente nelle semplici lesene che inquadrano le aperture del foyer dei palchi e reggono un timpano triangolare alleggerito da un'ulteriore apertura di tipo termale che serve ad illuminare il sottotetto.
Nel novembre 1855 il nuovo Teatro Sociale viene inaugurato, grazie all'aiuto economico fornito dai soci palchettisti e dal Comune, che ha partecipato all'impresa in cambio dell'assegnazione dei tre palchi più importanti, quelli situati centralmente nel secondo ordine. La serata inaugurale, che si apre con La figlia del reggimento di Donizetti, I masnadieri di Verdi ed il ballo Flora e il mago, è, per l'architetto albese a più riprese chiamato ed applaudito dal pubblico, un vero trionfo. Un'epigrafe posta nel foyer del teatro da parte della cittadinanza commemora l'architetto.
Le stagioni si susseguono alternando lirica e danza, balli e feste; talvolta a causa di impegni militari o di gravose necessità economiche, un'alternativa al consueto programma è offerta dagli spettacoli di prosa, allora considerata un genere minore.
Nel 1886 vengono eseguiti i primi lavori di ripristino all'esterno, mentre l'anno successivo, il Teatro esce incolume dai danni causati dal terremoto, che danneggia invece gli edifici adiacenti. Il Teatro viene chiuso per gravi problemi statici nel 1932, e passeranno molti anni prima che venga messo a punto il progetto di ampliamento e restauro che ha ridato nuova vita ed un nuovo volto all'odierna costruzione. Giorgio Busca (Alba, 1818-1977), Frequenta l'Università di Torino e si laurea in Architettura Civile il 7 luglio 1841, con una tesi discussa con Ferdinando Bonsignore, progettista della Chiesa della Gran Madre di Torino. Immediatamente dopo la laurea, inizia la sua brillante carriera come politico e come architetto. Nel 1845 fa parte del Consiglio di Ornato, e nel febbraio del 1848 entra nel Consiglio aggiunto. Il 19 settembre 1854 viene nominato sindaco dal Re, carica che mantiene fino al 16 novembre 1865.
Fra le sue opere architettoniche ricordiamo il Teatro Sociale, il Ginnasio Liceo Govone, Palazzo Porro, il Cimitero Urbano e la facciata del Seminario Maggiore.

Bibliografia

Immagini

Architettura

Villaggio FerreroMagazzini MiroglioEdificio adibito a laboratori e locali di vendita sacriComplesso EnelSede della Gazzetta d'AlbaCasa AngelaCasa in via GovoneCasa ad appartamenti (Alba, corso Europa)Casa ad appartamenti (Alba, strada Cauda)Edificio di abitazione, uffici e commercioComplesso ResidenzialeComplesso Residenziale Alba VerdeCasa in corso AlberioneCasa in via San PaoloPalazzo in via Vittorio EmanueleCasa RevelloPalazzetto di via BelliCasa BolmidaCasa di via GiraudiCasa in piazzetta Pietro MiccaCasa VaraldiPalazzi in via RomaPalazzo in piazza SavonaEdificio in corso ItaliaCasa BerguiCasa in via XX SettembreChiesa di San CassianoChiesa ParrocchialeChiesa di Cristo ReChiesa del Divin MaestroComplesso dell'Opera Pia di San Paolo e TempioSantuario della MorettaCentro per incontri religiosiOratorio annesso al Santuario della MorettaMotel AlbaCascina AdelaideCasa di Riposo OttolenghiAzienda per la lavorazione dei marmiEdificio commercialeFondazione FerreroTribunaleBanca di Credito CooperativoEdificio multiusoConvitto CivicoCampanile del Santuario della MorettaPalestra all'interno del complesso della MaddalenaCassa di Risparmio di Cuneo (Nuova sede) - B.R.E.Edificio rimessa autocorriereSeminario Minore, ora scuola media VidaCasa SansoldiCasa DegiacomiPalazzo MermetPalazzo Porro, poi Calissano, oggi sede della B.R.E.Casa MulassanoCasa AllianaCasa Burdese - Casa DacomoCasa in via Elvio PertinaceDuomo di Alba - il restauroSeminario vescovileLavatoio pubblicoMattatoioScuola materna città di AlbaTettoia per il mercatoScuola agraria enologicaTribunale civile e correzionaleGiardino pubblico della stazioneScuole elementari maschili (ex convento della Maddalena)Caserma GovoneManica della via maestra dell'ex convento della MaddalenaStazione ferroviariaPiazza Elvio Pertinace - trasformazione Sferisterio, oggi Sferisterio MermetCimitero urbanoPalazzo Comunale - interventiTeatro Sociale Piazza Risorgimento - riplasmazione delle strutture medievali Piazza Savona Casa per anzianiScuola agraria enologica - Cantine Viali di circonvallazione Ponte sul fiume TanaroCastello di Serralunga d'AlbaTorre di Santa Vittoria d'AlbaCastello di RoddiCastello di Pezzolo Valle Uzzone, frazione GorrinoTorre di Perletto Torre di Niella BelboTorre di MurazzanoCastello di Monticello d'AlbaCastello di Monteu RoeroTorre di Montaldo RoeroCastello di MontàCastello di MonesiglioCastello di MangoCastello di Magliano AlfieriCastello di GuareneCastello di Grinzane CavourCastello di GovoneCastello di CravanzanaCastello di CortemiliaTorre di Corneliano d'AlbaTorre di CherascoCastelrosso di CherascoCastello Visconteo di CherascoCastello di Castiglione FallettoCastello di CastellinaldoTorre di CanaleCastello di CanaleTorre di Camerana frazione VillaComplesso albertino di Bra, PollenzoCastello di BorgomaleCastello di BenevelloCastello di Barolo, La VoltaCastello di BaroloCastello di BarbarescoTorre di BarbarescoTorre di Albaretto della TorreCasa Deabbate o AllianaCasa Giuliano, detta Loggia dei Mercanti, o casa SaccoCasa Paglieri o CantalupoCasa Fontana o Casa DoPalazzo Govone CarattiCasa-torre CapelloCasa-torre MarroCasa-torre RivaTorre DegiacomiTorre MontaldoTorre NegriTorre del palazzo BelliTorre e palazzo SerralongaTorri del palazzo MermetTorre e casa Parrussa (o Paruzza)Torre RavinaleTorre DemagistisTorre BoninoTorre AstesianoTorre e casa Sineo

Ricerca nella sezione

Ricerca avanzata

cerca in ordine alfabetico

a b c d e f g
h
i
j
k
l m
n
o p
q
r
s t
u
v
w
x
y
z