HomePatrimonio artistico- Contenitori d'Arte • Chiesa di San Giuseppe

Chiesa di San Giuseppe

La costruzione della chiesa di San Giuseppe ebbe inizio nel 1643, quando il Priore della Compagnia dei Pellegrini Paolo Buatto chiese contributi alla città per l’edificazione dell’edificio religioso, dedicato a San Giuseppe. Fino a quel momento la confraternita dei Pellegrini officiava le sue funzioni nella chiesa di Sant’Antonio. La chiesa si erge su stratificazioni di fabbricati precedenti, risalenti all’epoca romana, probabilmente civili.
Il progetto venne realizzato da Angelo Finale, i lavori di costruzione durarono circa dieci anni; la chiesa venne consacrata nel 1656, ma ancora nel corso del Settecento l’edificio subì modifiche e ampliamenti. La facciata è molto semplice, sormontata da un timpano triangolare, annessa all’oratorio della confraternita, ora sede di un’associazione. L’edificio religioso è un’aula rettangolare a navata unica con volta a botte, ha due coppie di cappelle laterali e un ampio coro di forma rettangolare.
La volta è stata dipinta dal quadraturista Vittore De Nicola di Locarno e da Carlo Posterla nel 1720 e tra il 1745-59 venne completato l’intero apparato decorativo, affrescando il coro e introducendo nel presbiterio sei quadri dedicati a San Giuseppe di P. Paolo Operti, di cui quattro sono stati trafugati.
Seguendo un percorso di visita che parte da sinistra, le cappelle che si incontrano sono quella di San Giovanni Battista e Luigi Gonzaga; segue la cappella dell’Angelo Custode.
In fondo alla navata centrale, rialzati su una tribuna, si trovano il coro con gli stalli lignei e al centro l’arco trionfale, monumentale architettura in legno dorato, la cui pala rappresenta la Ss. Trinità, mentre ai lati nelle nicchie sono custodite le statue di San Grato vescovo a sinistra e Sant’Andrea Apostolo a destra. Nel presbiterio è collocato l’altare maggiore.
Sul lato destro vi sono le cappelle di SS. Pietro e Paolo, con ancona lignea del 1687-88 e affreschi attribuiti a Sebastiano Taricco; la cappella del SS. Crocifisso, costruita nel 1711 a pianta pentagonale, con lesene che si spezzano agli spigoli. A destra si trova un piccolo ambiente che raccorda la cappella con il prospetto convesso che si affaccia sulla piazza. Sull’altare c’è il Crocifisso ligneo Gesù Cristo morto sulla croce del 1709, che il venerdì Santo veniva portato in processione sopra un baldacchino, con le braccia snodate in avanti. A fare da scenografia sullo sfondo è dipinta la città di Gerusalemme contro un cielo che volge al tramonto. A questa cappella si accede attraverso un’ampia scalinata, che un tempo era rivestita con piastrelle in cotto.

Ricerca nella sezione

Ricerca avanzata

cerca in ordine alfabetico

a
b
c
d
e
f
g
h
i
j
k
l
m
n
o
p
q
r
s
t
u
v
w
x
y
z